Tag

, , , , , , , ,

I’m not a field agent, I just read books

Questa è una frase pronunciata da Robert Redford ne “I tre giorni del Condor”. Nel film lui, l’impiegato della Cia, legge tutto, libri, giornali, riviste etc con l’intento di trovare messaggi criptati e nuove idee. Un giorno lui e i college incappano su un thriller di basso livello che contiene una strana trama e un linguaggio criptico.

Ecco, sembra un po’ che abbia letto un romanzo della serie S.A.S., scritti dall’83enne Gérard de Villiers. Libri di spie e complotti internazionali che, a volte, sembrano essere preveggenti, come accenna questo lungo articolo del New York Times Magazine.

L’autore dell’articolo racconta pure un episodio che fa pensare al film di Sidney Pollack:

In the United States, I spoke to a former C.I.A. operative who has known de Villiers for decades. “I recommend to our analysts to read his books, because there’s a lot of real information in there,” he told me. “He’s tuned into all the security services, and he knows all the players.”

De Villiers può stare tranquillo: non è un agente, scrive solo libri.

Annunci