Tag

, , , , ,

Avete presente il film “I tre giorni del Condor“? Il film comincia negli uffici della “American literary historical society”, un’istituzione dietro la quale si nascondono degli impiegati della Cia il cui compito è quello di leggere qualsiasi cosa venga pubblicato nel mondo, giornali, romanzi, saggi, cercare tracce di trame che riguardano operazioni dell’agenzia di spionaggio statunitense e inviare delle sintesi agli uffici centrali. Bene, sappiate che ora, nella realtà, la Cia fa una cosa diversa.

Stando a quanto riporta Wired.com l’agenzia fornisce delle storie agli sceneggiatori di Hollywood. O meglio, per rendere credibili certe ricostruzioni vengono fornite indicazioni, informazioni tecniche, dettagli, così che non possa mai risultare che un MacGyver qualunque possa far saltare in aerea un elicottero con una cerbottana, a meno che quella cerbottana non sia una superarma realmente in uso presso le forze americane. Dopo un intervento del deputato repubblicano Peter King contro Kathryn Bigelow sui rapporti della regista col Pentagono, gli è stato detto che mai le verrebbero spifferate notizie che possano mettere a repentaglio operazioni e persone. Qui il resto dell’articolo.

A quanto mi risulta anche in Italia avviene così per tutte le fiction e i film che riguarda le forze dell’ordine. In molti casi c’è un addetto speciale il cui compito è controllare che la divisa non venga disonorata. Non certo a dare credibilità ai prodotti dozzinali.

Annunci