Tag

, , , , , , , , ,

Degna continuazione della parabola. I giovani deprivati di mezzi di sostentamento sognano i divi, i calciatori, gli attori, i rapper, gli abiti belli, i bolidi, le fiche e lo champagne. Poi, dopo uno sforzo enorme o una grossa botta di culo, arrivano i soldi, ed ecco gli abiti belli, i bolidi, le fiche e lo champagne. Ma solo per alcuni di loro. Il resto sono invidie, e se vuoi calmare, se vuoi placare i bisogni di consumismo, come fai? Il lusso bene di base come il pane, quasi un diritto, o forse un diritto davvero. A Londra i ragazzi afro-caraibici bruciano e saccheggiano i negozi, non per la fame, ma per apparire. Svaligiano negozi di marche d’abbigliamento, di oggetti tecnologici. Bob Marley cantava Burning and looting, e forse non pensava a questo.  Quel brano era contenuto ne La Haine di Mathieu Kassovitz con Vincent Cassel, che faceva il teppista, il voyou, di banlieue. Ma come a Londra, il voyou di banlieue sogna il successo e i soldi, le Nike Air Max, le collanine, le auto fuoriserie. Vincent Cassel ora ha successo e soldi, e per lui il lusso è un diritto.

Annunci