Che cosa è lo "strateggismo sentimentale" di cui parla Manuela Arcuri recensendo il libro "Il labirinto femminile" di Alfonso Luigi Marra. Alcuni miei amici, ovvero l'Irregolare e Jack Crabb, e io abbiamo provato a definirlo festeggiando la serata di San Patrizio rigorosamente in un bar cinese di San Salvario (Torino) analizzando il nostro stato. Uno sforzo estremo di logica, in un contesto molto illogico.
Il risultato è il triangolo degli "uomini soli" *, situazione che – come direbbe la Arcuri – libera la società dallo strategismo sentimentale che la tormenta rallentando enormemente il cammino della civiltà. Non so cosa voglia dire, però gli schemini qui sotto possono aiutarvi:
La rielaborazione infografica è invece questa:
triangolo strateggismo sentimentaleSi tratta di un triangolo giocato su due variabili, ovvero l'ubriacarsi o l'ingarrarsi, termine mutuato dal pescarese. La combinazione di due fattori dovrebbe dare origine a un quadrato, dite voi. E no!
Funziona così:

  • il soggetto (a) non si ubriaca perché si ingarra;
  • il soggetto (b) si ubriaca perché non si ingarra;
  • il soggetto (c) si ubriaca per ingarrarsi.

Non può esistere un soggetto (d) che non si ubriaca e non si ingarra perché il negare entrambe le variabili portà all'annullamente dell'essere umano in quanto tale. Se non compi almeno una delle due azioni non esisti, non sei uomo. Motivo per cui la combinazione dei due fattori dà origine a un triangolo e non a un quadrato.

Ma ora andiamo nel dettaglio e valutiamo i soggetti in questione. Si passa da (a), una situazione di gioiosa superpotenza dovuta alla possibilità di poter disporre di entrambi i beni o stati concentrandosi, potendo, su quello più raro e prezioso, a due sottostati di debolezza, ovvero la rassegnata debolezza e la debolezza propositiva.
Il primo equivale al caso (b): ci si tuffa sul bene o lo stato più facile da ottenere per l'impossibilità di ottenere l'altro. Il secondo è invece il caso (c): posso avere il bene/stato più prezioso ma per arrivarci devo passare assolutamente tramite il bene/stato meno prezioso.
Chiaramente ci sarebbe una quarta possibilità, che è il non ubriacarsi e il non ingarrarsi. Tuttavia l'assenza totale di queste azioni significa una cosa: non sei un uomo.

[Post parallelo con questo]
*
qui va un ringraziamento d'obbligo a Paolo Bitta

Annunci