Non voglio dire che gli studenti di destra siano ignoranti e abbandonano gli studi.
Voglio solo comunicarvi che l’
Uni, il "sindacato" studentesco di destra, legato al partito gollista Ump, cambia.
Non sarà più una lista presente alle elezioni dei rappresentanti, ma una sorta di associazione-"think tank" dal nome « Mouvement des étudiants » (Mét), aprendosi ad
altre associazioni.

E si crea un vuoto interessante per l’estrema destra, subito intercettato. David Rachlin, 22 anni, membro del Front National e consigliere comunale a Fréjus, vorrebbe fare a breve un "sindicato studentesco", ma non simile al "Gruppo unione difesa" (Gud), organizzazione studentesca d’estrema destra nata nel 1968 e la cui rinascita è stata annunciata in autunno: “Je suis un modéré, je fais de la politique. Ce sera un syndicat sérieux dont nous soutiendrons les propositions et qui aurait vocation à défendre les étudiants”.

Ancora più interessante è il reportage di Lyon BondyBlog di Azzedine Benelkadi da un incontro a Vaulx-en-Velin, nella periferia di Lione, con Alain Soral, ex militante del Front National di Le Pen e ora fondatore del movimento della "sinistra nazionalista" chiamato "Égalité et Réconciliation". Benelkadi ha incontrato dei giovani d’origine maghrebina simpatizzanti, se non addirittura militanti, del FN. Motivo? L’antisionismo? I valori? L’inattività degli antirazzisti? …

Annunci