Nei mesi del grande dibattito sull’identità nazionale, alcuni francesi ebrei con nome "naturalizzato" (es: da Rozenkopf a Rosent), chiedono di poter riavere il nome dei loro antenati.
Per la legge francese è possibile "francesizzare" un cognome "straniero", così da favorire l’integrazione, ma non è possibile cambiare in maniera contraria. Ma che cosa è un cognome francese?, si chiedono alcuni. Si tratta di un riavvicinamento alle loro origini, non di una negazione dei valori repubblicani. Forse quelli che chiamiamo francesi cesserebbero d’avere il loro carattere e la loro cultura li chiamassimo con un nome sefardita o aschenazita? 
Fonte:
Libération.

Annunci